Oltre l’ABEC c’è di più!

Cuscinetto ABEC

Parafrasando una famosa canzone degli anni 90 vorrei essere d’aiuto per chiarire alcune “voci” che girano attorno al fatidico ABEC 🙂

C’è chi sostiene che l’ABEC sia la migliore marca dei cuscinetti e c’è anche chi invece sostiene che sia la classificazione della velocità del cuscinetto e quindi dei pattini…e altre storielle che sono frutto di una scarsa conoscenza o di frasi estrapolate da un contesto più ampio. 

Partirei dal fatto che l’ABEC non è una marca: non esiste nessuna azienda chiama ABEC.

L’ABEC è una scala di classificazione dei cuscinetti di precisione a sfera che in base a specifici test classifica appunto i cuscinetti in base alla precisione e non alla velocità. 

I meno attenti sono tratti in inganno dal fatto che un cuscinetto con un ottima precisione gira molto meglio di un altro con una grossolana precisione, è ovvio! 

I cuscinetti di precisione, così chiamati, sono progettati per mantenere il più possibile la velocità acquisita che non significa “essere più veloci”. Come vedremo più avanti la velocità di un pattino è conseguente ad altri fattori. 

Quindi appurato che l’ABEC è uno dei sistemi di classificazione dei cuscinetti, è l’acronimo di Anular Bearing Engineering Committee.

Nel mondo del pattinaggio è il sistema più popolare ma ci sono altre sistemi di classificazione per determinare la qualità e la precisione dei cuscinetti. 

La ISO è tutti gli effetti il sistema standard che detta le linee guida internazionali e ancora troviamo la scala DIN un sistema utilizzato dall’industria tedesca. 

In ogni caso tutti i sistemi per valutare la qualità e quindi la precisione dei cuscinetti misurano la tolleranza, ovvero l’eventuale spostamento delle sfere dal binario tracciato sugli anelli esterni e interni mentre ruotano e mentre il cuscinetto e sottoposto a carichi di tipo assiale e radiale. L’unità di misura è il micron (un milionesimo di metro).

Quindi meno tolleranza più precisione. 

Prendendo quindi come riferimento la scala ABEC, questa classifica i cuscinetti in base ad una scala da 1 a 11 ma solo con numeri dispari,  più è alto il numero più è preciso o se preferite presenta meno tolleranza. 

Quelli a cui siamo più abituati noi pattinatori e anche quelli più ampiamente disponibili sul mercato sono ABEC 3, 5, 7 e 9.

Per completezza d’informazione non tutti gli ABEC sono uguali 🙂 nel senso che un ABEC 7 di un produttore X potrebbe non avere le stesse prestazioni di uno stesso ABEC di un produttore Y.

Quello che determina poi la qualità definitiva è data dal materiale utilizzato per realizzare i singoli componenti del cuscinetto. Guarda nella figura come fatto un cuscinetto 😉

Quindi per concludere il discorso sulla scala ABEC, non è vero che un numero alto corrisponda a velocità maggiore. 

La velocità è data da altri fattori per esempio il peso del pattinatore, la sua condizione atletica, il diametro di ruote usate. 

La precisione del rotolamento delle sfere, il numero delle sfere stesse, la qualità del materiale del cuscinetto sono dettagli importanti per stabilirne principalmente l’uso nei diversi contesti dove si andrà a pattinare.

Per esempio sul bagnato la ceramica è ottimale ma è ottima anche per ridurre il peso e quindi un pattinatore velocità apprezzerà ma certo non potrà fare salti! Le sfere in ceramica di contro non sopportano molto i carichi. E poi, ancora potrei scegliere un cuscinetto con 5, 6 o 8 sfere…dipende sempre dall’utilizzo che ne farò.

Questo per dire che oltre il numero di classificazione di un cuscinetto c’è molto altro! 

Per concludere un cuscinetto tipo 608 viene testato per garantire una velocità limite di 47000 giri/minuto. 

Un atleta che pattina a 40 Km/h con ruote da 100 mm fa girare il cuscinetto a circa 2100 giri/minuto.

Quindi qualunque ABEC abbia il vostro cuscinetto la cosa più importante è una manutenzione costante per garantire la sicurezza e la durata del cuscinetto stesso. 

Evitate di pattinare con cuscinetti secchi, lo sfregamento bloccherà le sfere! 

E infine non fatevi ingannare se con i pattini in mano facendo girare le ruote queste girano quasi all’infinito…le ruote devono girare sotto carico!

E un cuscinetto dovrebbe sopportare un carico statico di almeno 1370 N (139,7 Kg Forza).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *